CHI SIAMO

La nostra azienda nasce dalla passione di Nonno Alfonso e successivamente di Nonno Francesco, insostituibili maestri di vita e curiosi osservatori che iniziarono a coltivare i kiwi  ben quarantotto anni fa.

Il primo impianto, tutt'ora esistente e produttivo, e' un esempio vivente della tenacia della natura.

Abbiamo due ettari di kiwi in bio e una piccola parte della produzione viene destinata alla vendita diretta in azienda da novembre a gennaio, senza passaggio in celle frigorifere per mantenere inalterate le caratteristiche organolettiche dei frutti.

I vigneti si estendono in circa cinque ettari su terreni di medio impasto con sistema di allevamento a guyot.

L'uva vendemmiata esclusivamente a mano e' in parte destinata alla produzione di vino frizzante venduto sfuso e in bottiglia.

Dalla passione per il vino e le vigne nasce il nostro NAOLTA, vino frizzante nato come  omaggio alla tradizione di far rifermentare il vino in bottiglia dopo Pasqua seguendo le lune.

Il resto degli appezzamenti e' destinato alla produzione di mais, orzo e fieno, indispensabili per le nostre manze da carne che ci ricambiano assicurandoci la concimazione annuale per i nostri appezzamenti.

Il nostro approccio verso cio' che coltiviamo e' di simbiosi continua e la nostra passione e curiosita' ci spingono verso la qualita' e il rispetto della natura.

Crediamo fortemente nell' autenticita', nella bioetica, nella biodiversita' e nel concetto poco moderno di azienda agricola non destinata alla monocoltura ma concepita come visione d' insieme, dove animali, persone e frutti creano ogni giorno un nuovo equilibrio.

L' intera famiglia e' quotidianamente impegnata nei vigneti, nei frutteti, in stalla ma anche nell' orto famigliare, coltivato in biodinamica da cinque anni e nella cura delle nostre tartarughe, della pecora Heidi, delle oche e delle galline, degli uccelli e delle cavie peruviane.

Il nostro intento e' di mantenere inalterato quello che ci e' stato affidato, con un piede ben saldo nelle  preziose tradizioni tramandateci da nonno Alfonso e un occhio sempre vigile alle innovazioni che il futuro ci riserva.